Accesso ai servizi

ANPR (ANAGRAFE NAZIONALE POPOLAZIONE RESIDENTE)



ANPR
(ANAGRAFE NAZIONALE POPOLAZIONE RESIDENTE)


Sul portale ufficiale del progetto Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR) è stata introdotta una nuova sezione.

A fianco di quelle dedicate a “Ministero dell’Interno – Prefetture UTG” e “Comuni” è stata aggiunta la sezione “Cittadini”.

Cliccare qui:    https://www.anpr.interno.it/portale/

Il cittadino puo' accedere alla nuova funzionalità attraverso uno degli strumenti di identità digitali previsti, e cioè:

 

I dati disponibili per la visura

Il cittadino, che dovrà risiedere in uno dei comuni già subentrati nell’Anagrafe nazionale (qui la pagina dedicata allo stato della migrazione), accederà quindi ai propri dati presenti nell’archivio, ed in particolare a:

  • Generalità: data e luogo di nascita, sesso, codice identificativo comunale e ANPR e, se presente, gli estremi dell’atto di nascita;
  • Stato civile;
  • Cittadinanza;
  • Carta identità: numero, tipo (cartacea/elettronica), validità per l’espatrio, data di scadenza, Comune di rilascio;
  • Famiglia anagrafica: codice identificativo comunale e ANPR, data di ingresso nella famiglia e relazione di parentela;
  • Residenza/Altri recapiti: per la residenza sono riportati data di decorrenza, CAP, indirizzo e numero civico.

Titolarità e responsabilità del trattamento dei dati

Nell’informativa sulla privacy pubblicata nell’ambito del servizio online di cui stiamo parlando, il Ministero si sofferma su alcune informazioni da fornire al cittadino/ utente.

In particolare, emerge che titolare del trattamento dei dati personali è il Ministero dell’Interno - Dipartimento per gli affari interni e territoriali, mentre Sogei S.p.A. è responsabile del trattamento (avendo con il titolare un rapporto di tipo contrattuale).

Il Sindaco del Comune di residenza del soggetto è invece considerato quale titolare del trattamento dei dati di propria competenza, limitatamente alla registrazione dei dati stessi.

Il cittadino, quindi, dovrà rivolgersi al comune di residenza, nel caso in cui le informazioni presenti in ANPR (e quindi sul portale) risultassero incomplete e/o inesatte.

Tra i diritti previsti dal Regolamento Europeo sulla Privacy, infatti, vi sono una serie di diritti, previsti in particolare negli articoli tra il 15 e il 22 del RGPD, alcuni dei quali sono applicabili anche al trattamento svolto per la tenuta di ANPR, mentre alcuni no, come ad esempio il diritto alla cancellazione dei dati.

Le autocertificazioni

Il sistema consente al cittadino di produrre e stampare delle dichiarazioni sostitutive di certificazione relative ai dati anagrafici sopra riportati, da utilizzare secondo quanto previsto dall’art. 46 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445.

In particolare, è possibile produrre autocertificazioni, anche cumulative di due o più dei seguenti dati, relative a:

  • nascita;
  • stato civile;
  • cittadinanza;
  • famiglia anagrafica;
  • residenza;
  • esistenza in vita.